Gli impianti all’estero

1955 Impianto SNIA in Sud Africa.

Gli impianti costruiti all’estero.

La S.A.I.C.I. aveva sempre considerato con particolare interesse la possibilità di ideare e costruire all’estero stabilimenti per la produzione di cellulosa, estesa, in seguito, ad altri prodotti. Si era quindi creato a Torviscosa un Ufficio Studi che progettava le macchine – prodotte dalle consociate Utita e Pignone – e metteva a punto i processi tecnologici secondo il tipo delle risorse forestali del paese dove si sarebbe costruito lo stabilimento al quale la S.A.I.C.I. forniva anche i suoi tecnici, la loro competenza e professionalità. Nasceva così la “tecnica di Torviscosa” nota ed apprezzata in tutto il mondo.

Le principali realizzazioni sono:

1950-51

Spagna

SNIACE (*) Torrelavega

cellulosa, raion e fiocco viscosa, cord record, filo poliammidico

1954-55

Sud Africa

SAICCOR – Umkomaas

cellulosa

Messico

CELLULOSA E VISCOSA DE CHIHUAHUA – Anahuac

cellulosa, fiocco viscosa

1955-56

Argentina

SNIAFA – Platanos, Hernandez

raion e fiocco viscosafilo poliammidico

1961-63

Russia

SOLOMBALSKI BUMKOMBINAT – Arcangelo

cellulosa

1966-69

India

SOUTH INDIA VISCOSE – Coimbatore

cellulosa, raion e fiocco viscosa, acido solforico, solfuro di carbonio

1966-67

Brasile

FIBRA BRASILEIRA – Americana

cellulosa, raion e fiocco viscosa, solfuro di carbonio, filo poliammidico

1978-79

Russia

ELEKTROHIMPRON – Circik

caprolattame

Inoltre sulla base del processo di produzione del caprolattame, messo a punto a Torviscosa, veniva costruito nel 1973 un analogo impianto a Manfredonia da 80.000 tla. Nel 1995 veniva avviata la progettazione e costruzione di un impianto da 50.000 t/a in Cina.

(*) La posa della prima pietra risale al 12.10.1941; causa eventi bellici la fabbrica venne ultimata nel 1951.

Commenti chiusi